Lunedì 10 Dicembre 2018
Come si diventa volontari PDF Stampa E-mail

Ai volontari che operano in Hospice e a domicilio si richiede di accettare di essere sottoposti ad un colloquio di selezione, alla frequenza di un corso di formazione e di un tirocinio prima di intraprendere l’attività.

 

Per informazioni e contatti rivolgersi al numero 366/3292400.

 

CORSO DI FORMAZIONE VOLONTARI

 

Seguire il corso di formazione permette di contribuire alla crescita di un’idea di volontariato formato, organizzato, che garantisca continuità temporale, che non si limiti a rivestire un ruolo sussidiario, ma che sia parte integrante dell’èquipe degli operatori sanitari, rappresentandone un valido valore aggiunto proprio perché si mette al centro dell’interesse la sofferenza del malato e non l’oggettività della sua malattia.

 

Motivazione e disponibilità a mettere in gioco le proprie risorse, ciascuno con le sue peculiarità, sono caratteristiche indispensabili per diventare volontario: non basta l’altruismo, ma è necessaria una solida preparazione che renda il volontario una figura competente e professionalizzata.

 

Il corso di formazione ha la durata di 14 lezioni settimanali di due ore e mezza ciascuna, condotte in parte da alcuni operatori dell’Hospice e in parte dai docenti della S.I.M.PA. (Scuola Italiana di Medicina e Cure Palliative). Vengono trattati i seguenti argomenti:

ASPETTI CLINICI:

  • Problemi del malato
  • Cura dei sintomi
  • Morte propria, morte dell’altro, morte appropriata

 

ASPETTI PSICOLOGICI:

  • Comunicazione efficace
  • Gestione delle emozioni
  • La famiglia di fronte alla morte

 

ASPETTI ETICI:

  • Principi morali
  • Affrontare i conflitti morali

 

ASPETTI ANTROPOLOGICI:

  • Antropologia del lutto
  • L’arte per esprimere le emozioni

 

ASPETTI ORGANIZZATIVI:

  • Collaborare con l’èquipe dell’Hospice


Il prossimo corso di formazione verrà attivato a partire da febbraio 2011.

 

RIUNIONI MENSILI

 

I volontari dell’Hospice e del servizio domiciliare sono tenuti a partecipare a incontri mensili di supervisione e aggiornamento, condotti dalla psicologa dell’Associazione ARCA e dai docenti della S.I.M.PA. (Scuola Italiana di Medicina e Cure Palliative).

 

Durante la supervisione, attraverso l’analisi e l’approfondimento di casi e situazioni portate dai volontari, si dà spazio alla riflessione sugli aspetti relazionali e comunicativi del rapporto con malati e familiari e all’elaborazione dei vissuti emotivi dei volontari stessi.

 

Gli incontri di aggiornamento sono invece dedicati all’approfondimento di alcune tematiche peculiari della relazione d’aiuto.